Alberto Sordi, è possibile visitare la sua casa aperta eccezionalmente fino a Novembre: allestita una mostra sui suoi quasi 200 film

Ecco tutto quello che occorre sapere sulla mostra dal titolo “Alberto Sordi e il suo tempo”, allestita proprio nella sua casa di Roma.

Per ricordare la figura del grande attore italiano a venti anni dalla sua scomparsa è stata allestita la mostra a cura di Alessandra Maria Sette e promossa dalla Fondazione Sordi con il patrocinio di Roma Capitale e in collaborazione con Cinecittà, l’Archivio Luce e le Teche Rai . Un modo per conoscere non solo aspetti della vita privata di Alberto Sordi ma anche come è cambiata l’Italia in un secolo.

Mostra Alberto Sordi a Roma
Nella casa Museo di Alberto Sordi la mostra per celebrare i venti anni dalla scomparsa – Foto Ansa – Cinelol.it

Nelle stanze della sua villa a Caracalla, che si trova in via Claudio Marcello, già trasformata da
diversi anni in Casa Museo, trovano spazio sia oggetti che ripercorrono la carriera cinematografica del grande attore, sia video e testimonianze che mostrano il trasformarsi del nostro Paese nell’arco di un secolo. Cioè da quando Alberto Sordi è nato, nel 1920, ai giorni nostri.

Alberto Sordi e il suo tempo, la mostra aperta al pubblico fino a novembre

Vale la pena non perdere l’occasione di visitare la mostra dedicata ad Alberto Sordi che è stata inaugurata il 22 settembre e che resterà aperta al pubblico fino al 26 novembre, nella sua villa Museo di Caracalla. L’allestimento dell’esposizione segue un concept cronologico che porta il visitatore alla scoperta della sua carriera di attore. E di tutte le pellicole che hanno sancito il suo successo e che lo hanno fatto diventare l’Albertone nazionale, anche se non amava essere definito così.

Alberto Sordi e il suo tempo mostra museo caracalla
Alberto Sordi e il suo tempo, la mostra dedicata al grande attore a Roma – Foto Ansa – Cinelol.it

La mostra a Villa Sordi offre anche uno spaccato della vita privata dell’uomo, che in questa casa ha trascorso la sua vita dal 1958 fino alla sua morte, che è avvenuta nel 2003. Ci sono gli ambienti preservati che fotografano gli usi e le abitudini di Alberto Sordi, ma che sono anche un modo per approfondire come è cambiata l’Italia con il passare del tempo. E cioè dal primo dopoguerra, cioè dal 1920, anno di nascita dell’attore più amato dagli italiani, quando la società italiana era rurale, fino alla modernità e agli anni del nuovo millennio.

La mostra si conclude con i suoi funerali svolti nella cattedrale di San Giovanni in Laterano.
L’attore nacque a Trastevere il 15 giugno del 1920 e morì il 24 febbraio del 2003. Nella sua carriera è stato il protagonista di 200 film. Alcuni dei quali sono diventati dei veri e propri cult che fanno parte della storia della cinematografia italiana e internazionale. Ha partecipato anche a molte trasmissioni televisive. E grazie ai social è possibile rivedere alcune “pillole” delle sue interviste e delle sue ospitate.

Quando visitare la mostra dedicata ad Alberto Sordi

Chiunque volesse visitare la mostra può recarsi nella Casa Museo Alberto Sordi in via Claudio Marcello a Roma tutti i pomeriggi dal martedì alla domenica, dalle ore 16.00 alle ore 20.00 fino al 26 novembre. L’ingresso è gratuito.

Impostazioni privacy